Telefono: 0815288635 / 3336275495

  • Coltivazione pomodorino vesuviano

    Coltivazione pomodorino vesuviano

    Una pratica antica per un frutto intramontabile

    Eligo, sita a Ottaviano, si occupa da tempo anche della coltivazione pomodorino vesuviano. Dal caratteristico rosso acceso e dalla forma tondeggiante, questo pomodorino si presenta a grappoli saporitissimi, è ottimo da gustare a crudo, ma da cotto esalta al massimo il suo sapore inconfondibile e unico.

    La coltivazione del pomodorino vesuviano è unica nel suo genere e avviene secondo una pratica tradizionale, attraverso un attrezzo antico e insostituibile, l'assolcatore, strumento volto a creare dei solchi nei terreni trattati in cui trapiantare le piantine. Versatile, ecologico ed efficiente, l'assolcatore permette di lavorare su terreni di diversa composizione e morfologia, senza inquinare o intaccare la qualità del terreno.

    La qualità di questo prodotto, eccellenza italiana e dal 2009 con denominazione DOP, è garantita proprio dalle caratteristiche peculiari del terreno lavico, stratificato per secoli, dell'area vesuviana.

    Grazie alla rotazione delle colture, ai terreni coltivati a solanacee viene assicurato il riposo necessario a mantenere la fertilità e a garantire salute e qualità eccellente ai pomodorini qui coltivati.

    Non semplici prodotti, ma progetti.

    La realizzazione di un nostro progetto prevede il lavoro in sinergia di figure professionali diverse, selezionate tra i migliori esperti del settore, nelle università e presso gli organi competenti in base al contesto e alla necessità. 

    Eligo ha intrapreso una politica aziendale fondata sulla ricerca e conservazione della qualità, rientrando nel Presidio Slow Food per la produzione del Pomodorino del Piennolo DOP e abbracciando i valori condivisi di salvaguardia della biodiversità, lo sviluppo di un indotto locale e la valorizzazione delle zone di produzione.

    L'applicazione dei disciplinari previsti dall'’iscrizione al Consorzio di Tutela del Pomodorino del Piennolo DOP e al Presidio Slow Food Pomodorino del Piennolo del Vesuvio costituisce per noi un'incentivo a portare avanti un tipo di agricoltura volta alla salvaguardia ambientale — anche grazie alla rotazione annuale dei campi — e della biodiversità. 

    Saverio Bifulco, CEO di Eligo, nell’agosto 2013 viene eletto Presidente dell’Associazione Produttori pomodorino del Piennolo del Vesuvio Dop.

    Al fine di garantire la qualità e la sicurezza dei propri prodotti, Eligo ha aderito a Campania Sicura, progetto che prevede il monitoraggio dei terreni e dei prodotti, insieme all’Istituto Zooprofilattico di Portici e alla Regione Campania. Attraverso un qr-code, il consumatore può agevolmente consultare i risultati delle analisi effettuate, in un ottica di totale trasparenza.


    Disciplinare di produzione della Denominazione di Origine Protetta "Pomodorino del Piennolo del Vesuvio”
  • Terreni

    Terreni

    I terreni vengono analizzati da enti preposti istituto zooprofilattico del mezzogiorno 

    http://www.qrcodecampania.it/azienda/AziendaAgrico...

    Concimazione organica (sovescio, letame)

    Rotazioni colturale con periodo di maggese (riposo del terreno)

  • Semi

    Semi

    Le selezioni sono frutto di una ricerca svolta in sinergia sul campo da diversi agricoltori che, sacralmente, custodiscono i loro semi, e la banca del germoplasma Campano, che si occupa della salvaguardia delle vecchie varietà e della loro riproduzione.

    Dalle osservazioni fatte in coltivazione ed in base alla diversità pedo-climatiche (interazione suolo/clima),vengono selezionati. Ogni famiglia di agricoltori riproduce il suo seme, ogni seme ha caratteristiche sensibilmente diverse, ogni seme custodisce gelosamente la sua storia.

    Approfondimento relativo alle differenze tra varietà tradizionali e ibridi link blog